Con un’estetica d’altri tempi, vengono trattate tematiche iper-moderne e sperimentate tecniche assolutamente anacronistiche, tra suggestioni gotiche – da Murnau in particolare – e spunti talmente surreali da risultare quasi nonsense. Una goduria per gli occhi, ma non per il cervello…

RSVP: “My Winnipeg”, “Dr Plonk”.

Voto: 7.