Categoria: Berlino

LA MEMORIA DELL’ACQUA (2015)

La prima parte è incentrata sull’importanza dell’acqua sulla vita terrestre e, in particolare, sulla cultura indigena cilena; ed è placida come un lago in estate. La seconda scivola elegantemente nella storia e nella politica, arrivando a riflettere sull’acqua come tomba impenetrabile e irraggiungibile dei desapericidos; ed è turbolenta (e turbante) come una corrente di risacca. Poetico e potente, ma decisamente non per tutti. RSVP: “Nostalgia della luce“, “A sud del confine“. Voto: 7,5. La memoria dell’acqua Test di Bechdel:...

Read More

AFERIM! (2015)

Un’opera insolita, che per dinamiche e personaggi ricorda il western, ma è invece ambientata nella Romania ottomana e, con una precisione quasi documentaristica, ricostruisce le radici degli odi razziali, religiosi e sociali che nel secolo successivo sarebbero poi sfociati in cruenti conflitti mondiali. Splendida la fotografia e ricercatissima la sceneggiatura: chi ama il vero cinema d’essai non può perderselo. RSVP: “Hard to be a god“, “Il cavallo di Torino“. Voto: 7,5. Aferim! Test di Bechdel:...

Read More

52 TUESDAYS (2013)

Un film difficile che tratta un argomento difficile in modo semplice – anzi semplicissimo – prendendolo di petto, senza filtri e senza retorica. Gli interrogativi che suscita sono davvero un’infinità, a partire dal punto di vista della protagonista, che in un’età già complicata come l’adolescenza si trova a dover affrontare sfide più grandi di lei, commettendo inevitabilmente tanti errori. Da vedere, ma assolutamente senza pregiudizi. RSVP: “Moonlight“, “American Honey“. Voto: 7/8. 52 Tuesdays Test di Bechdel:...

Read More

AMORE E INGANNI (2016)

Brillante e verbosa commedia in costume, che recupera un’opera minore della Austen, con una sceneggiatura di stampo teatrale e una messa in scena maniacale e sontuosa. I dialoghi acidi e corrosivi (grandioso in questo senso il lavoro svolto da Whit Stillman) sono il vero fulcro del film e propongono con leggerezza riflessioni tanto interessanti quanto attuali sulla manipolazione delle informazioni. RSVP: “La fiera delle vanità“, “Molto rumore per nulla“. Voto: 7. Amore e Inganni Test di Bechdel:...

Read More

INDIGNATION (2016)

È un progetto dalle profonde radici letterarie e soprattutto teatrali, che non fa nulla per nasconderle: infatti la voce fuori campo e i lunghi “duelli” verbali tra i protagonisti, accompagnati da una certa staticità della regia, non lasciano adito a dubbi. Per fortuna, montaggio, intreccio e interpretazioni sono impeccabili e il risultato finale lascia in bocca un piacevole retrogusto d’altri tempi. RSVP: “Brooklyn“, “Carol“. Voto: 7,5. Indignation Test di Bechdel:...

Read More

DER BUNKER (2015)

Uno dei film più grotteschi e fuori di testa dell’ultimo biennio, e per giunta è soltanto un esordio: la sceneggiatura, curata dallo stesso regista, è scritta benissimo e riesce a spiazzare costantemente lo spettatore, rasentando il nonsense ma – al tempo stesso – strizzando l’occhio al metaforico. Il risultato è un duplice racconto di formazione, che parla tanto ai genitori (tra legami e aspettative) quanto ai figli (tra pigrizia e ribellione). Stimolante. RSVP: “Wrong“, “Cosmos“. Voto: 7,5. Der Bunker Test di Bechdel:...

Read More

GENIUS (2016)

Ennesimo biopic in pompa magna che recupera una coppia di personaggi ormai dimenticata dai più: il titolo, infatti, non si riferisce soltanto al “genio e sregolatezza” di Wolfe, ma soprattutto al talento (parzialmente) incompreso dell’editor Perkins. Ed è proprio l’originale riflessione sul suo ruolo, tanto oscuro quanto determinante, ad essere l’elemento di maggior interesse dell’intera opera. RSVP: “Il discorso del re“, “L’ultima parola – La vera storia di Dalton Trumbo“. Voto: 6/7. Genius Test di Bechdel:...

Read More

IL PIANO DI MAGGIE (2015)

La presenza della Gerwig in un film implica che: 1) questo sarà piacevolmente verboso, 2) venato di quel raffinato snobismo newyorkese e 3) pieno di relazioni sbilenche. Anche la presenza della Moore ha diverse implicazioni: 1) la sceneggiatura sarà impeccabile, 2) il livello interpretativo medio elevato e 3) ci sarà parecchia tensione psicologica. Tutto rispettato pienamente anche questa volta, in un’opera dal gradevole retrogusto baumbachiano. RSVP: “Mistress America“, “Lola Versus“. Voto: 7+. Il piano di Maggie Test di Bechdel:...

Read More

GUEROS (2014)

Un esordio coi controfiocchi per Ruizpalacios, che unisce un gusto estetico da maestro del cinema ad eleganti pennellate metacinematografiche, senza risparmiare riflessioni sociologiche e generazionali, ma evitando accuratamente la spocchia e il distacco di tanti suoi colleghi. Non si tratta certo di un’opera che colpisca per la sua originalità, ma piuttosto per il suo respiro da instant cult classic. RSVP: “L’odio“, “Ti guardo“. Voto: 7/8. Gueros Test di Bechdel:...

Read More

FUOCOAMMARE (2016)

Opera discontinua e anti-poetica, che sbatte in faccia allo spettatore l’inquietante realtà lampedusana e le disgrazie dei poveri migranti. Le scene forti non mancano e la scelta di Rosi di non aggiungere didascalie, né voci fuori campo, né tantomeno velleità socio-politiche, è coerente con la sua ferrea volontà di non concedere nulla alla retorica. Per contro, le storie italiane minori risultano quasi irritanti nella loro inerte vacuità. Dilatato e sopravvalutato. RSVP: “Sacro GRA“, “Napolislam“. Voto: 6+. Fuocoammare Test di Bechdel:...

Read More

Test di Bechdel

Da febbraio 2016, i film recensiti su questo blog vengono sottoposti al test di Bechdel per determinare se abbiano connotati di tipo sessista.

Test di Bechdel

Instagram

Something is wrong. Response takes too long or there is JS error. Press Ctrl+Shift+J or Cmd+Shift+J on a Mac.

Un film a caso…

Contatti

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Accetti i termini della Privacy