Categoria: Sundance

THE ROMANTICS (2010)

Intrigo pre-matrimoniale assolutamente canonico e innocuo, con tanti dialoghi che servono a ricostruire legami e passato dei personaggi e qualche teorico punto di rottura disseminato qua e là, per destabilizzare il tutto. In realtà, si crea ben poca tensione, soprattutto affettiva, ed è il classico esempio che un buon cast e un buon soggetto non bastano sempre per fare un bel film: insomma, tanto fumo ma poco arrosto. RSVP: “A prova di matrimonio“, “About Alex“. Voto: 6. The Romantics Test di Bechdel:...

Read More

SLEIGHT (2016)

Un po’ B-movie di supereroi di borgata e un po’ film indie di prestigiatori alle prime armi, ma è tutto fuorché scalcinato: la regia è davvero impeccabile, la storia tiene davvero incollati davanti allo schermo e anche il protagonista – giovanissimo, ma già apprezzato in “Maze Runner” e, soprattutto, “Collateral Beauty” – offre una performance solida e convincente. RSVP: “Iron Man“, “The Prestige“. Voto: 7,5. Sleight Test di Bechdel:...

Read More

BERLIN SYNDROME (2017)

L’incipit è ben focalizzato sulla protagonista ed evita accuratamente tensione, efferatezze e cliché in generale; dal rapimento in poi, però, non c’è niente di nuovo e, soprattutto, nulla di sorprendente. Opera mediocre, che riesce ad infiacchire un già di per sé mediocre romanzo. RSVP: “Room“, “Chained“. Voto: 6-. Berlin Syndrome Test di Bechdel:...

Read More

AGNUS DEI (2016)

L’aspetto più terribile delle guerre è che creano mostri anche laddove di mostri non ci si aspetterebbe neppure l’ombra, e così i liberatori diventano carnefici, le madri rinnegano i figli e la religione diventa strumento di divisione e oppressione, non di libertà e condivisione. Lo stile sobrio e austero affida i momenti più difficili alle parole e alle suggestioni piuttosto che alle immagini, e il risultato è elegante, oltre che pervaso da un latente ottimismo. RSVP: “Ida“, “Il Segreto“. Voto: 7,5. Agnus Dei Test di Bechdel:...

Read More

FINO ALL’OSSO (2017)

Film confezionato ad arte, che propone un’analisi psicologica approfondita dei profili tipici di chi soffre di disturbi del comportamento alimentare, senza risparmiare duri colpi agli spettatori. Convincentissima la protagonista Lily Collins (d’altra parte, nel suo passato c’è proprio l’anoressia) e bravo anche il redivivo Keanu Reeves nei panni del dottore non troppo amico ma professionale. RSVP: “Ragazze interrotte“, “Maledimiele“. Voto: 7,5. To the bone Test di Bechdel:...

Read More

DARK NIGHT (2016)

Un film che non appartiene a nessun genere preciso, perché finisce in horror (ma tutti lo sanno fin dalla prima scena e, soprattutto, nessuno vedrà nulla di tutto questo sullo schermo), si svilluppa come un dramma neorealista e ha il ritmo e i modi delle opere schizoidi di Arriaga con un’impronta decisamente più minimale. Solo per spettatori attenti e pazienti, ma decisamente appagante. RSVP: “Elephant“, “Red White & Blue“. Voto: 7,5. Dark Night Test di Bechdel:...

Read More

FRANK & LOLA (2016)

Premesso che Shannon è uno degli attori più adatti a qualsiasi forma di thriller psicologico, nonostante qualche buco narrativo e una caratterizzazione un po’ approssimativa dei personaggi, l’alchimia tra i protagonisti funziona a dovere e al resto ci pensano regia e fotografia, che compensano regalando grandi emozioni (il riflesso nell’ultima scena è il finale perfetto). RSVP: “Animali notturni“, “Sangue facile“. Voto: 7. Frank & Lola Test di Bechdel:...

Read More

THE LURE (2015)

Più che di un vero e proprio film dell’orrore, in questo caso si potrebbe parlare di una rivisitazione della favola de “La sirenetta” in chiave dark-pop: l’estetica e la colonna sonora sono fortemente anni Ottanta e non si fanno problemi a degenerare nel kitsch quando serve; in realtà, sotto a questa patina glitterata, c’è un po’ di racconto di formazione al femminile, un po’ di fiaba edificante e un po’ di satira politica. Originale. RSVP: “SiREN“, “Thale“. Voto: 7. The Lure Test di Bechdel:...

Read More

WILSON (2017)

Una commedia acida e misantropica con un Harrelson nell’insolita veste dello scapolone burbero e grottesco; ed è proprio la bruttezza dell’umanità la vera protagonista del film, anche se nel finale non manca qualche sprazzo di speranza e comprensione per un poveruomo che ha vissuto una vita davvero da dimenticare. Tipico cinema agrodolce, proprio come piace a Payne. RSVP: “St. Vincent“, “Broken Flowers“. Voto: 7. Wilson Test di Bechdel:...

Read More

MR. PIG (2016)

Una storia minimale, di stampo tipicamente neorealista latino, che parla con delicatezza della solitudine che accomuna tanti anziani e del desiderio di famiglia che spesso gli animali riescono a compensare con il loro amore incondizionato e sincero. Si appanna un pochino sulla lunga distanza, evidenziando una leggera carenza d’idee e qualche lungaggine di troppo. RSVP: “Amores Perros“, “Neon Bull“. Voto: 6/7. Mr. Pig Test di Bechdel:...

Read More

Test di Bechdel

Da febbraio 2016, i film recensiti su questo blog vengono sottoposti al test di Bechdel per determinare se abbiano connotati di tipo sessista.

Test di Bechdel

Instagram

Something is wrong. Response takes too long or there is JS error. Press Ctrl+Shift+J or Cmd+Shift+J on a Mac.

Un film a caso…

Contatti

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Accetti i termini della Privacy