Categoria: Fantascienza

WE’VE FORGOTTEN MORE THAN WE EVER KNEW (2017)

Minimale, oscuro e un po’ -troppo?- criptico, ma soprattutto parco di spiegazioni e delicamente intimo nei rapporti tra i -pochi- personaggi. La fantascienza è relegata alle poche scene in esterna e all’incomprensibile carattere che di tanto in tanto fa capolino sugli oggetti, mentre tutto il resto della storia è incentrato in realtà sull’analisi dei rapporti tra i due protagonisti e, in senso più lato, delle dinamiche di coppia. Intrigante. RSVP: “It comes at night“, “Bokeh“. Voto: 7+. Test di Bechdel:...

Read More

READY PLAYER ONE (2018)

Summa di come dovrebbe essere il cinema secondo il concetto originario di “intrattenimento per tutti” tipico di Spielberg: ci sono tutti i temi che riguardano i giovani d’oggi (mondo reale vs digitale, cyberbullismo, maturità e responsabilità, assenza di ideali e altro ancora) e la storia ricalca gli stilemi tipici del filone, tra antagonisti adulti che pensano solo al denaro e la storia d’amore che riesce a coronarsi solo nel finale. Ciliegina sulla torta per i nostalgici degli Eighties, una marea di citazioni tutte da scoprire dalla prima all’ultima scena. RSVP: “E.T.“, “Matrix“. Voto: 7+. Ready Player One Test di...

Read More

DOWNSIZING – VIVERE ALLA GRANDE (2017)

Lo spunto di partenza sarebbe interessante, in bilico tra l’ecologia e il cinismo tipici dei nostri tempi, ma lo sviluppo è un po’ incerto, perché non si capisce mai bene quale direzione voglia prendere: vuole essere una commedia morale? Oppure un dramma psicologico? O ancora un metaforone fantascientifico? Anche la morale finale è più che legittima ma del tutto priva di mordente. Peccato per l’occasione sprecata. RSVP: “The Congress“, “Essere John Malkovich“. Voto: 6+. Downsizing – Vivere alla grande Test di Bechdel:...

Read More

ANNIENTAMENTO (2018)

Un vero peccato che uno dei migliori (e più originali) film di fantascienza dell’ultimo anno non arrivi nelle sale, ma direttamente in TV: trasporre un romanzo di VanderMeer era un’impresa davvero ardua, eppure Garland se l’è cavata più che egregiamente (anche se c’è qualche lungaggine di troppo e nella parte centrale diventa un pochino fumoso), interrogando molto e rispondendo poco allo spettatore. RSVP: “Ex Machina“, “Arrival“. Voto: 7,5. Annientamento Test di Bechdel:...

Read More

THE CLOVERFIELD PARADOX (2018)

Non è mai semplice chiudere una trilogia, ma in special modo non lo è quando questa è composta da tre episodi sufficientemente diversi e slegati, ma al tempo stesso originali e intelligenti. Dispiace solo che questa volta il film non abbia avuto una distribuzione all’altezza, perché alla fine di fantascienza senza alieni né “effettoni” speciali ce n’è sempre un gran bisogno. Furbo e gradevole. RSVP: “Cloverfield“, “10 Cloverfield Lane“. Voto: 6/7. The Cloverfield Paradox Test di  Bechdel:...

Read More

STAR WARS: EPISODIO VIII – GLI ULTIMI JEDI (2017)

Cosa si può dire dell’ottavo episodio di un’interminabile saga finita nelle -indubbiamente sapienti- mani della Disney? Imprescindibile per i fan (che non rimarranno delusi), anche perché la confezione è ottima e la sceneggiatura piacevole, ma inutile per tutti gli altri. RSVP: “Star Wars: Episodio VII – Il risveglio della Forza“, “Rogue One: A Star Wars Story“. Voto: SV. Star Wars: Episodio VIII – Gli ultimi Jedi Test di Bechdel:...

Read More

ANTI MATTER (2016)

Fantascienza a basso costo e grandi idee, che prende un po’ da “Memento“, un po’ da “L’esercito delle 12 scimmie” e un po’ da “Primer“: il giochino -per quanto sleale, ma questo si scopre solo alla fine- funziona bene e l’unica pecca forse è solo il finale, che dopo il twist principale si dilunga un po’ troppo in smancerie e convenevoli. Ottima l’idea di porre l’accento su diversi dilemmi etici di grande attualità. RSVP: “L’esercito delle 12 scimmie“, “Primer“. Voto: 7. Anti Matter Test di Bechdel:...

Read More

MARJORIE PRIME (2017)

La robotica al servizio dei rapporti umani, dei ricordi e dell’elaborazione del lutto: sulla carta si tratterebbe di fantascienza, ma in realtà sembra una pièce teatrale (e in effetti è proprio quella l’origine della sceneggiatura) che si sviluppa come una catena -una maglia circolare alla volta- attorno a una famiglia tormentata dal proprio passato. Lento, verboso e statico, ma recitato magistralmente e comunque originale. RSVP: “Robot & Frank“, “Her“. Voto: 7,5. Marjorie Prime Test di Bechdel:...

Read More

INFINITY CHAMBER (2017)

Lo spunto non è certo dei più originali: da “Il tunnel sotto il mondo” in poi, la lista è davvero interminabile. Inoltre, con due soli attori e due sole location, sulla lunga distanza il senso di claustrofobia colpisce anche lo spettatore, che forse si sarebbe accontentato di un minutaggio inferiore. Bisogna però ammettere che funziona bene e dimostra ancora una volta che non serve un budget faraonico per fare dell’onesta fantascienza. RSVP: “2:22 – Il destino è già scritto“, “Il tunnel sotto il mondo“. Voto: 6/7. Infinity Chamber Test di Bechdel:...

Read More

BLADE RUNNER 2049 (2017)

La confezione è a dir poco magniloquente e Villeneuve si conferma come uno dei più talentuosi registi in circolazione, mentre dal punto di vista tematico il film non è affatto male: si discosta quel tanto che basta dal predecessore e tira in ballo nuovi temi più attuali, anche se tende a mettere troppa carne al fuoco e a fare più fumo che arrosto. La sceneggiatura, invece, è il tallone d’Achille, con qualche buco qua e là e soprattutto una carrellata di cattivi stilizzati, banali e per nulla coinvolgenti. Purtroppo incombe un terzo episodio. RSVP: “Blade Runner“, “Her“. Voto: 6,5....

Read More

Test di Bechdel

Da febbraio 2016, i film recensiti su questo blog vengono sottoposti al test di Bechdel per determinare se abbiano connotati di tipo sessista.

Test di Bechdel

Instagram

Something is wrong.
Instagram token error.

Un film a caso…

Contatti

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Accetti i termini della Privacy