Categoria: Horror

I FAMELICI (2017)

Uno zombie movie classico nello svolgimento, ma assolutamente anomalo nella forma, con dialoghi al limite del mumblecore, personaggi del tutto antieroici e una storia corale che dà un tono più intimo e profondo al dramma che li coinvolge tutti. Tanti i buchi narrativi, e forse il progetto avrebbe meritato un minutaggio ben superiore, mentre il finale convince con la scelta di seguire una linea un po’ più oscura e onirica. RSVP: “It stains the sands red“, “Enclosure“. Voto: 6/7. I famelici Test di Bechdel:...

Read More

THE RITUAL (2017)

Confezione impeccabile, location interessante e personaggi all’altezza: poi vabbé, non sarà di un’originalità assoluta, non avrà un ritmo e una tensione elevatissimi e la sceneggiatura non sarà così elaborata. Però, ce ne fossero di horror così e anche il twist finale funziona sufficientemente bene, e garantisce una serata di onesto divertimento. RSVP: “Enclosure“, “The Monster“. Voto: 7. The Ritual Test di Bechdel:...

Read More

BETTER WATCH OUT (2016)

Un film che all’apparenza sembra il solito horror movie natalizio e che, invece, si prende gioco un po’ di tutti, dai generi (inizia come slasher per poi cambiare radicalmente) ai personaggi (con diversi ribaltamenti e inserimenti a sorpresa), senza risparmiare neppure lo spettatore (qua e là ci sono sprazzi metacinematografici, e anche la sceneggiatura non lascia nulla al caso). Molto bravi anche i giovani attori scritturati. RSVP: “Krampus“, “Holidays“. Voto: 7,5. Better Watch Out Test di Bechdel:...

Read More

CREEP 2 (2017)

Ci voleva quel genio schizoide di Mark Duplass per sfornare la prima saga horror-mumblecore del terzo millennio in cui il sequel è addirittura più bello del primo episodio. Dubbi completamente diversi ma non meno assillanti turbano lo spettatore fin dalla prima scena, per poi non lasciarlo più fino all’ultimo fotogramma; e poi riflessioni metacinematografiche e metatelevisive a profusione, senza rinunciare a qualche sprazzo d’ironia. RSVP: “Creep“, “Safety not guaranteed“. Voto: 7,5. Creep 2 Test di Bechdel:...

Read More

MADRE! (2017)

La prima metà del film è disorientante ed inquietante come poche altre, ma riesce ad esser efficace proprio perché conserva un certo legame con la realtà; poi l’intento metaforico diventa palese e la coerenza scema col passare dei minuti, lasciando il passo a velleità pseudo-religiose non proprio convincenti. Ennesima opera non del tutto compiuta per il solito Aronofsky. RSVP: “Le verità nascoste“, “The Invitation“. Voto: 6/7. Madre! Test di Bechdel:...

Read More

IT (2017)

Indubbiamente più fedele e, soprattutto, meglio confezionato del tentativo precedente (ma si faceva poca fatica…), si affida comunque a meccanismi e trovate che ormai fanno parte della vecchia tradizione orrorifica, tra mostri onnipresenti, spaghetti e colpi bassi a più non posso e ragazzini superominici. Se ne sentiva davvero il bisogno di un altro revival, sulla scia dell’entusiasmo per “Stranger Things“? RSVP: “Stand by me – Ricordo di un’estate“, “It“. Voto: 6+. It Test di Bechdel:...

Read More

KUSO (2017)

Disturbato, disturbante, volgare e privo di ogni senso, oltre che esteticamente ributtante: quindi, perché guardarlo? Nel dubbio lasciatelo perdere, a meno che non siate dei fan di Flying Lotus. RSVP: “Gummo“, “Bad Boy Bubby“. Voto: SV. Kuso Test di Bechdel:...

Read More

HERE COMES THE DEVIL (2014)

I film con bambini posseduti ormai non si contano più, ma in questo caso gli elementi interessanti sono ben altri: innanzitutto c’è lo stile (essenziale ma pulito, evita accuratamente ogni cliché e i più banali spaghetti), poi il metaforone sessuale (che -per quanto sempliciotto- dà una certa profondità alla trama) e infine lo sviluppo (lineare ma imprevedibile, condito dai giusti twist). Godibile. RSVP: “Don’t knock twice“, “The Children“. Voto: 6/7. Here comes the devil Test di Bechdel:...

Read More

IT STAINS THE SANDS RED (2016)

Uno dei tipici cliché degli zombie movie è che i morti viventi sono lenti e stupidi ma… numerosi! In questo caso, invece, lo zombie è uno solo e… testardissimo, trasformando il film in una sorta di slasher o -vista l’ambientazione- in un duello zombie-western. Ci sarebbero altri spunti interessanti, ma purtroppo ci sono anche un paio di passaggi al limite del nonsense, che degradano sensibilmente il valore dell’opera. RSVP: “Fido“, “28 Giorni Dopo“. Voto: 6+. It stains the sands red Test di Bechdel:...

Read More

THE TRIANGLE (2016)

Finalmente un found footage senza fantasmi né “bubu settete“, girato con un buon gusto estetico e una sceneggiatura degna di questo nome, senza dimenticare alcune trovate originali ed efficaci, come gli split screen nelle fasi concitate. Anche il finale aperto e l’assenza di patetici “spiegoni” -per quanto classico e tutto sommato già visto- rendono la visione piacevole fino all’ultimo fotogramma. RSVP: “The Sacrament“, “Holy Ghost People“. Voto: 7. The Triangle Test di Bechdel:...

Read More

Test di Bechdel

Da febbraio 2016, i film recensiti su questo blog vengono sottoposti al test di Bechdel per determinare se abbiano connotati di tipo sessista.

Test di Bechdel

Instagram

Something is wrong.
Instagram token error.

Contatti

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Accetti i termini della Privacy