Una leggenda metropolitana 2.0 che diventa metafora educativa come in “It Follows“, una minacciosa catena di sant’Antonio che si trasforma in indagine soprannaturale à laThe Ring“, con la solita madre cocciuta di connoriana memoria e qualche “colpetto” di scena (il finale in particolare) che fa il suo “porco” dovere. Anche in questo caso, non è certo l’originalità il punto di forza del film, ma tutto funziona bene e c’è un piacevole retrogusto eighties.

RSVP: “If Follows“, “The Ring“.

Voto: 7. Don’t knock twice

Test di Bechdel: positivo.