Una specie di “albero della morte” – piuttosto che della vita – decisamente meno lisergico e molto più pessimista. Scritto, girato e interpretato magistralmente, riesce a farci percepire il peso delle colpe dei figli che ricadono sui genitori.

RSVP: “Lovely Rita”, “Elephant”.

Voto: 8.