Nonostante sia ambientato ai giorni d’oggi, è più crepuscolare e genuinamente western del 99% dei film di genere girati nell’ultimo quarto di secolo, e non fa nulla per scendere a compromessi o proporre facili moralismi; perché c’è ancora la frontiera, c’è ancora la miseria e la disperazione dei pionieri e, soprattutto, ci sono ancora gli indiani. Scritto da paura, recitato da paura, girato da paura e bello da paura.

RSVP: “Mistery Road“, “Ain’t Them Bodies Saints“.

Voto: 8. Hell or High Water

Test di Bechdel: negativo.