La disabilità, la diversità, la malattia (anche psichiatrica), la perdita dei genitori e, infine, il lutto: non è facile trattare argomenti come questi in un film per ragazzi, eppure la Laika ce la fa, senza essere stucchevole e senza rinunciare alla poetica visiva e alla tecnica sopraffina che da sempre lo contraddistinguono. Questa volta non c’è Pixar che tenga: senza dubbio, è il miglior film d’animazione dell’anno!

RSVP: “Coraline e la porta magica“, “ParaNorman“.

Voto: 8. Kubo e la spada magica

Test di Bechdel: negativo.