Herzog riesce a fondere passato, presente e futuro della comunicazione digitale in senso lato, tenendo sempre ben presente quella che deve essere la figura centrale in tutto questo, ovvero l’essere umano in quanto tale. Stimolante e deprimente, inquietante e incoraggiante, il quadro che ne emerge è quanto di più complesso, sfaccettato ed esaustivo possa essere reso con un semplice documentario ed è pertanto imprescindibile per tutti quelli che “vivono” il web.

RSVP: “L’ignoto spazio profondo“, “Terms and conditions may apply“.

Voto: 7/8. Lo and Behold – Internet: il futuro è oggi

Test di Bechdel: negativo.