Una volta tanto la Marvel decide di far passare in secondo piano la componente fracassona per privilegiare quella crepuscolare e un po’ decadente di certi suoi supereroi, e il risultato quantomeno è diverso dal solito e decisamente più intimistico (ma anche più cruento). Di sicuro, funziona molto meglio di buona parte delle loro ultime opere. Finalmente Merchant inizia a farsi strada come caratterista a Hollywood.

RSVP: “X-Men le origini – Wolverine“, “Wolverine – L’immortale“.

Voto: 7. Logan

Test di Bechdel: positivo.