Continua il personale percorso della Delpy nella triplice veste di protagonista, regista e sceneggiatrice: ancora una volta, l’artista francese s’interroga sui delicati equilibri che stanno alla base di ogni coppia e di ogni famiglia, proponendo una commedia dal gusto classico (“Il cowboy con il velo da sposa” ha oltre mezzo secolo di vita). L’originalità dell’opera sta, però, nel ritratto della madre e del legame malsano con il suo viziato “rampollo”, che impone doverose riflessioni un po’ a tutti, genitori e figli.

RSVP: “Cyrus“, “2 giorni a New York“.

Voto: 7. Lolo

Test di Bechdel: positivo.