Un po’ commedia degli equivoci, un po’ buddy film grottesco, costantemente sopra le righe e accompagnato da una pomposa e stridente (ma azzeccatissima) colonna sonora. Tanta confusione, qualche trovata riuscita e qualche altro passaggio un po’ più forzato (a ben guardare, la sceneggiatura è tutt’altro che impeccabile), ma nel complesso funziona e diverte.

RSVP: “Happy Texas“, “The Nice Guys“.

Voto: 6,5. Medal of Victory

Test di Bechdel: negativo.