Slasher di serie B made in Italy che – saggiamente – sceglie di aggirare i suoi evidenti limiti premendo sull’acceleratore fin dai primi fotogrammi: il problema è che nella parte centrale si esaurisce il carburante e allora si avanza per inerzia, con interminabili scene di caccia mute. Discretamente efficaci alcuni spaghetti qua e là – in verità un po’ sleali – e lo spiegone finale, con annesso colpo di scena telefonato.

RSVP: “Oltre il guado“, “Charlie’s Farm“.

Voto: 6. My Little Sister

Test di Bechdel: positivo.