Esordio col botto per Shinkai, che inizia ad abbozzare i temi a lui più cari (che svilupperà poi nei suoi film successivi) e sceglie un’ambientazione garbatamente fantascientifica, come un Giappone alternativo che diventa teatro di una Guerra Fredda 2.0. Fresca e bella come solito la prima parte, più sentimentale; un pochino intricata e oscura la seconda, più fantapolitica. Mezz’ora in più non avrebbe guastato.

RSVP: “Your Name“, “5 Centimetri al secondo“.

Voto: 7,5. Oltre le nuvole, il luogo promessoci

Test di Bechdel: negativo.