In passato, la Lowe ha lavorato con Wheatley sia come attrice che come sceneggiatrice, e questo è evidente fin dalla prima scena: stessa estetica raffinata, stessi sbotti d’ira, stessi ammazzamenti cruenti (al limite dello splatter) e stessi dialoghi in bilico tra il pulp e la black comedy. Interessanti le critiche che muove alla società contemporanea per le contraddizioni sul ruolo della donna incinta.

RSVP: “Killer in viaggio“, “Lucky“.

Voto: 7+. Prevenge

Test di Bechdel: positivo.