Un sovraffollamento di scene madre, sostenuto da un ritmo forsennato ed effetti speciali a profusione, senza il benché minimo approfondimento dei personaggi, né alcuna crescita degli stessi: praticamente una puntata della serie storica, dilatata fino a superare le due ore di durata complessiva. Per i fans potrà anche significare qualcosa, ma per tutti gli altri è soltanto uno svago.

RSVP: “Star Trek Into Darkness“, “Star Trek“.

Voto: 6+. Star Trek Beyond

Test di Bechdel: negativo.