Film diretto e schietto, che analizza la metà oscura che si nasconde in ognuno di noi. Bello il finale, senza facili compromessi, ma con un tocco commovente che ci riconciglia con la sana retorica cinematografica.

RSVP: “L’industriale”, “Una vita tranquilla”.

Voto: 7/8.