Tag: bechdel approved

VI PRESENTO CHRISTOPHER ROBIN (2017)

Una storia vecchia di quasi cent’anni eppure ancora attuale, che riflette sui risvolti della celebrità, in particolare in giovane età: c’è una famiglia molto moderna nella sua (dis)funzionalità, uno scrittore alla ricerca del successo e -su tutto- il fatidico dilemma tra finzione e realtà, e quanto l’una possa influenzare l’altra e viceversa. Non sarà un capolavoro, ma è imperdibile per tutti quelli che sono cresciuti nel Bosco dei Cento Acri. RSVP: “Neverland – Un sogno per la vita“, “Saving Mr. Banks“. Voto: 7. Vi presento Christopher Robin Test di Bechdel:...

Read More

LA FORMA DELL’ACQUA – THE SHAPE OF WATER (2017)

Film dai toni goticheggianti, dotato anche di una forte vena favolistica e sprazzi di grande poesia e romanticismo: per fortuna non ci sono metaforoni esagerati, né inutili “spiegoni”, e traspare una sincera nostalgia per un certo cinema del passato, che l’opera stessa cerca di “saziare”. Proprio per questo pecca un po’ di originalità, ma che coppia di protagonisti in gran spolvero! RSVP: “King Kong“, “Il Labirinto del Fauno“. Voto: 7/8. La forma dell’acqua – The shape of water Test di Bechdel:...

Read More

LADY BIRD (2017)

Promettentissimo esordio per la Gerwig, che fa pienamente tesoro dell’esperienza maturata lavorando con alcuni dei più grandi registi indie e, in particolare, con Baumbach, tant’è che il film può essere quasi considerato un prequel del suo “Mistress America“. Sicuramente è il miglior coming of age movie dell’anno, in un delicato equilibrio tra intento caustico e poetico, tra ribellione adolescenziale e sana aspirazione all’emancipazione. RSVP: “Rushmore“, “Mistress America“. Voto: 7/8. Lady Bird Test di Bechdel:...

Read More

LA RUOTA DELLE MERAVIGLIE (2017)

Un film teatrale e formalmente perfetto, fotografato magistralmente e recitato impeccabilmente, ma che manca di personalità: Allen rinuncia per l’occasione all’alter ego e, insieme a questo, alla leggerezza della sua tipica ironia; c’è invece tanta nostalgia degli anni Cinquanta e tanta voglia di semplicità, proprio come piaceva agli autori dell’epoca. Un po’ anacronistico e un po’ svogliato. RSVP: “Café Society“, “Magic in the Moonlight“. Voto: 6,5. La ruota delle meraviglie Test di Bechdel:...

Read More

THE LIMEHOUSE GOLEM (2016)

Period thriller d’intrattenimento, ben girato e ben interpretato, che propone la caccia a un antesignano di Jack lo squartatore, sotto forma di giallo investigativo (con tanto di racconti in soggettiva dei principali sospettati). I meccanismi girano davvero bene e l’indagine risulta molto coinvolgente, anche se -con un pizzico d’attenzione- il vero colpevole si può intuire ben prima del finale. RSVP: “Profumo – Storia di un assassino“, “La vera storia di Jack lo squartatore“. Voto: 6/7. The Limehouse Golem Test di Bechdel:...

Read More

TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI (2017)

Un ritratto genuino dell’America più rurale e ruspante, che unisce una raffinata analisi sociologica alle tipiche contraddizioni dei nostri tempi, come non si vedeva dai tempi dei primi Coen. Non manca infatti di strappare qualche sorriso qua e là, e -oltre al cast in stato di grazia- ciò che colpisce maggiormente è la sceneggiatura: di una solidità più unica che rara, è indubbiamente la migliore dell’ultimo anno. RSVP: “Fargo“, “Hell or High Water“. Voto: 8. Tre manifesti a Ebbing, Missouri Test di Bechdel:...

Read More

LA BATTAGLIA DEI SESSI (2017)

Opera dai toni leggeri e scherzosi, che parla però di tematiche tutt’altro che spensierate ed estremamente attuali: un bel racconto di un semplice evento sportivo che ebbe implicazioni epocali (e di cui si sta perdendo la memoria), sostenuto da un cast ben calato nei rispettivi ruoli e da un’estetica piacevolmente vintage. RSVP: “Ragazze Vincenti“, “Sognando Beckham“. Voto: 7. La battaglia dei sessi Test di Bechdel:...

Read More

SMETTO QUANDO VOGLIO – MASTERCLASS (2017)

Si può girare in Italia un film d’intrattenimento che unisca azione, divertimento, una forte identità estetica e un pizzico di critica sociale? E, soprattutto, si può fare una trilogia senza pianificarla, in cui il secondo episodio regga il confronto con il primo? Dopo un esordio col botto, Sibilia si ripete con un sequel godibilissimo: forse viene meno l’originalità, ma non il brio e le trovate, e anche la sceneggiatura è davvero accattivante. RSVP: “Smetto quando voglio“, “Logan Lucky“. Voto: 7+. Smetto quando voglio – Masterclass Test di Bechdel:...

Read More

STAR WARS: EPISODIO VIII – GLI ULTIMI JEDI (2017)

Cosa si può dire dell’ottavo episodio di un’interminabile saga finita nelle -indubbiamente sapienti- mani della Disney? Imprescindibile per i fan (che non rimarranno delusi), anche perché la confezione è ottima e la sceneggiatura piacevole, ma inutile per tutti gli altri. RSVP: “Star Wars: Episodio VII – Il risveglio della Forza“, “Rogue One: A Star Wars Story“. Voto: SV. Star Wars: Episodio VIII – Gli ultimi Jedi Test di Bechdel:...

Read More

THE KILLING OF A SACRED DEER (2017)

Dialoghi postmoderni, surreali e assolutamente sbilenchi, abbinati a una regia formalmente impeccabile ma anche fortemente statica, il tutto infarcito di tensioni e inquietudini sussurrate ma onnipresenti: i marchi di fabbrica di Lanthimos sono sempre riconoscibili e ben presenti, perfino in questa che è la sua prima grande prova hollywoodiana. Ma la classe non è acqua, e così il regista greco passa anche questa difficile prova a pieni voti, nonostante il finale sia meno spiazzante del solito. RSVP: “Alps“, “Regali da uno sconosciuto – The Gift“. Voto: 7/8. The Killing of a Sacred Deer Test di Bechdel:...

Read More

Test di Bechdel

Da febbraio 2016, i film recensiti su questo blog vengono sottoposti al test di Bechdel per determinare se abbiano connotati di tipo sessista.

Test di Bechdel

Instagram

Something is wrong.
Instagram token error.

Un film a caso…

Contatti

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Accetti i termini della Privacy