Tag: psychology

THE LADY IN THE VAN (2015)

Trasposizione cinematografica dell’opera di Bennett, si regge pressoché interamente sulle eccellenti performance attoriali dei due protagonisti e sulla trovata dello sdoppiamento dell’autore. Certo, il film non sarà di un’originalità eclatante e la storia non sarà delle più sconvolgenti, ma il buon equilibrio tra la componente drammatica e quella comica lo rendono indubbiamente gradevole. RSVP: “Marigold Hotel“, “Philomena“. Voto: 6,5. The Lady in the Van Test di Bechdel:...

Read More

IT COMES AT NIGHT (2017)

Carino è carino, senza troppe -inutili- spiegazioni sul misterioso morbo e con una grande attenzione per i rapporti umani all’interno della casa, oltre a un buon livello di recitazione (Edgerton in primis). Negli ultimi anni, però, le sale sono state riempite di film low cost con queste stesse identiche premesse, spesso con risultati migliori o comunque più originali: impossibile, quindi, gridare al miracolo o premiarlo con più di una striminzita sufficienza. RSVP: “Here Alone“, “Z for Zachariah“. Voto: 6. It comes at night Test di Bechdel:...

Read More

UNDER THE TREE (2017)

La grigia quotidianità e un intreccio di famiglie disfunzionali portano a un verosimile degrado dei rapporti di vicinato, che degenera inevitabilmente in un finale caustico e nichilista. Ma è proprio il delicato equilibrio tra dramma e commedia, tra razionale e irrazionale, tra pubblico e privato, che crea una tensione e un’imprevedibilità davvero piacevole, senza rinunciare a riflessioni di grande attualità e delicatezza. Certo è che Sigurdsson si conferma uno dei più interessanti registi scandinavi. RSVP: “Le mele di Adamo“, “Forza maggiore“. Voto: 7/8. Under the tree Test di Bechdel:...

Read More

FRAULEIN – UNA FIABA D’INVERNO (2016)

L’atmosfera fiabesca è palese fin dal sottotitolo, e non mancano i garbati tocchi surreali a condire una storia altrimenti ordinaria. Ma è proprio nel finale, quando viene meno tutta questa parte stra-ordinaria, che però il film si rivela colorato ed evanescente come una bolla di sapone. Promozione con riserva per la semi-esordiente Carone, mentre -un po’ a sorpresa- supera la prova a pieni voti l’ottimo De Sica. RSVP: “Quando meno te lo aspetti“, “La felicità porta fortuna“. Voto: 6/7. Fraulein – Una fiaba d’inverno Test di Bechdel:...

Read More

LASCIATI ANDARE (2017)

Servillo di solito è una garanzia, ma in questo caso si concede a un ruolo forse troppo stereotipato e sopra le righe, all’interno di una commedia frizzante ma piena di luoghi comuni, a tratti quasi pieraccioniana. Alla fine, gli ruba la scena -per quanto relegato a un ruolo minore- il solito talentuoso Marinelli, che dimostra una versatilità davvero unica. RSVP: “Qualcosa di nuovo“, “Questione di karma“. Voto: 6+. Lasciati andare Test di Bechdel:...

Read More

IF THERE’S A HELL BELOW (2016)

Con 4 personaggi, un paio di automobili e altrettante location bucoliche open air (leggi: campi di grano…), una manciata di monologhi tarantiniani e oscuri, l’esordiente Nathan Williams costruisce un climax paranoide davvero notevole, per quanto vacuo e un po’ fine a se stesso. Non sarà un capolavoro, ma il costo realizzativo è stato prossimo allo zero e il ragazzo promette bene. RSVP: “Preternatural“, “Creep“. Voto: 6/7. If there’s a hell below Test di Bechdel:...

Read More

THE ROMANTICS (2010)

Intrigo pre-matrimoniale assolutamente canonico e innocuo, con tanti dialoghi che servono a ricostruire legami e passato dei personaggi e qualche teorico punto di rottura disseminato qua e là, per destabilizzare il tutto. In realtà, si crea ben poca tensione, soprattutto affettiva, ed è il classico esempio che un buon cast e un buon soggetto non bastano sempre per fare un bel film: insomma, tanto fumo ma poco arrosto. RSVP: “A prova di matrimonio“, “About Alex“. Voto: 6. The Romantics Test di Bechdel:...

Read More

HOLY GHOST PEOPLE (2013)

Sul settarismo più malato e torbido sono già stati girati diversi film degni d’interesse, pertanto è lecito aspettarsi -soprattutto da un film a basso budget come questo- qualche spunto diverso dal solito. Purtroppo non è così, e anche il cast è tutt’altro che convincente, risultando in una vaga sensazione di dilettantismo e approssimazione. RSVP: “The Sacrament“, “Faults“. Voto: 5. Holy Ghost People Test di Bechdel:...

Read More

HEAVEN (2002)

Che il soggetto sia nato da un’idea di Kieslowski è più che evidente, perché i dilemmi morali si sprecano e l’amore diventa la soluzione a tutti i problemi. Sorprende, invece, la coerenza del tedesco Tykwer con lo stile del regista polacco, che traspone la sua sceneggiatura con pochi fronzoli, dialoghi minimali e tanta introspezione. Opera molto interessante, quantomeno per gli estimatori, anche se poco al passo con i tempi. RSVP: “Tre colori – Film blu“, “L’enfer“ Voto: 7,5. Heaven Test di Bechdel:...

Read More

IT STAINS THE SANDS RED (2016)

Uno dei tipici cliché degli zombie movie è che i morti viventi sono lenti e stupidi ma… numerosi! In questo caso, invece, lo zombie è uno solo e… testardissimo, trasformando il film in una sorta di slasher o -vista l’ambientazione- in un duello zombie-western. Ci sarebbero altri spunti interessanti, ma purtroppo ci sono anche un paio di passaggi al limite del nonsense, che degradano sensibilmente il valore dell’opera. RSVP: “Fido“, “28 Giorni Dopo“. Voto: 6+. It stains the sands red Test di Bechdel:...

Read More

Test di Bechdel

Da febbraio 2016, i film recensiti su questo blog vengono sottoposti al test di Bechdel per determinare se abbiano connotati di tipo sessista.

Test di Bechdel

Instagram

Something is wrong. Response takes too long or there is JS error. Press Ctrl+Shift+J or Cmd+Shift+J on a Mac.

Un film a caso…

Contatti

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Accetti i termini della Privacy