Tag: romedy

PARIGI A PIEDI NUDI (2016)

Una commedia romantica più commedia che romantica, incentrata sulla peculiare comicità dei due protagonisti, una sorta di slapstick vintage che unisce il clownismo alla teatralità e fisicità di Chaplin, Keaton e Tati. Forse potrà sembrare un’opera giunta oltre tempo massimo, ma è così garbata, surreale e -a modo suo- elegante da risultare piacevolmente affascinante. RSVP: “The Fairy“, “Le vacanze di Monsieur Hulot“. Voto: 7. Test di Bechdel:...

Read More

RUTH & ALEX – L’AMORE CERCA CASA (2014)

Commedia romantica della terza età, con una New York ben in evidenza, una brava coppia di protagonisti e un tema sfizioso e originale come la compravendita di immobili (e -sotto sotto- anche la paura del terrorismo); e non manca neppure una piacevole escalation di tensione nel momento topico. Ma perché quel sottotitolo così insulso per il mercato italiano?! RSVP: “Tutto può succedere“, “The Meyerowitz Stories“. Voto: 7. Ruth & Alex – L’amore cerca casa Test di Bechdel:...

Read More

CARRIE PILBY (2016)

Finalmente una commedia rassicurante con una protagonista adorabile, sostenuta da una sceneggiatura brillante e sufficientemente diversa dai soliti schemi (d’altra parte, c’è dietro un romanzo di successo): intendiamoci, non si tratta di un film epocale o in grado di ribaltare un genere, ma ha buona personalità, ottimi personaggi e una bella dose di freschezza, e anche l’occhio ne esce appagato. RSVP: “Operator“, “Listen Up Philip“. Voto: 7,5. Carrie Pilby Test di Bechdel:...

Read More

MY BAKERY IN BROOKLYN (2016)

Romedy patinata e idilliaca, con la solita piccola impresa tutta al femminile in difficoltà, salvata dal grande amore: gli attori sono buoni, bravi e belli, le location sempre affascinanti e le sotto-storie piacevolmente intricate. C’è, però, un grande difetto che affligge l’intero film: questa patina impedisce di scendere in profondità e tutto sembra un po’ pretestuoso, prevedibile e stereotipato. RSVP: “C’è posta per te“, “Il sapore del successo“. Voto: 6. My Bakery in Brooklyn Test di Bechdel:...

Read More

BLUE JAY (2016)

Duplass scrive e interpreta questa storia che più mumblecore non si può: un uomo e una donna, un’amicizia presente e un amore passato, tante parole da ascoltare e tanti segreti da scoprire. La location montana californiana e il bianco e nero scelto dal regista fanno il resto, dando un tono caldo, accogliente e fuori dal tempo all’intera vicenda. Solo per estimatori del genere. RSVP: “Your sister’s sister“, “Creep“. Voto: 7+. Blue Jay Test di Bechdel:...

Read More

HICKEY (2017)

Commediola senza arte né parte, che cerca di accattivarsi spudoratamente il pubblico nerd realizzando tutti i suoi sogni più reconditi, compresa la conquista della femme fatale di turno. Buoni il ritmo e la colonna sonora, a tratti soverchiante, ma gli attori sono al limite del dilettantismo e la sceneggiatura è di una prevedibilità imbarazzante. RSVP: “Scott Pilgrim vs. the World“, “Unicorn City“. Voto: 5. Hickey Test di Bechdel:...

Read More

TABLE 19 (2017)

L’imbarazzo tangibile di certi pranzi di matrimonio è reso in modo impeccabile, grazie alla solita solida sceneggiatura firmata dai fratelli Duplass: ovviamente non si ride a crepapelle, né si sogna a occhi aperti con opere come questa, ma piuttosto ci si immedesima e si riflette sulle nostre vite, con la giusta leggerezza e un pizzico di ottimismo. RSVP: “A prova di matrimonio“, “Se sposti un posto a tavola“. Voto: 6/7. Table 19 Test di Bechdel:...

Read More

DON’T THINK TWICE (2016)

Interessante ritratto del mondo delle improvvisazioni teatrali semi-professionali, declinato in chiave mumblecore: ambizioni, individualismi, frustrazioni, idiosincrasie e – perché no – storie d’amore di un gruppo di amici, uniti e separati dal desiderio di sfondare e approdare in televisione. Sufficientemente originale, fresco e divertente. RSVP: “Operator“, “Drinking Buddies – Amici di bevuta“. Voto: 7,5. Don’t Think Twice Test di Bechdel:...

Read More

CHE VUOI CHE SIA (2016)

Edoardo Leo si conferma uno degli interpreti più interessanti della commedia all’italiana 2.0 e, soprattutto, uno dei più attenti osservatori della nostrana società contemporanea: in questo film c’è tutta l’incertezza di tante generazioni differenti, dalle giovani coppie alle prese con precarietà e figli a quelle più “agée” in conflitto con la modernità. Diverte, fa riflettere e conferma che il panorama italiano è tutt’altro che morto. RSVP: “Perfetti sconosciuti“, “Dobbiamo parlare“. Voto: 7. Che vuoi che sia Test di Bechdel:...

Read More

QUALCOSA DI NUOVO (2016)

Divertente commedia dei nostri tempi, che tratta – sempre con il sorriso sulle labbra – una miriade di temi di grande attualità, dalle incertezze dei nuovi adolescenti a quelle delle nuove quarantenni, dalle eterne divergenze tra uomini e donne alla labilità del concetto di “maturità”. Un po’ esagerato nell’evoluzione dei personaggi (quello di Lucia in particolare) e non proprio credibile in alcuni sviluppi, riesce comunque ad essere intelligente senza diventare altezzoso o banale. RSVP: “Assolo“, “Tommaso“. Voto: 6/7. Qualcosa di nuovo Test di Bechdel:...

Read More

Test di Bechdel

Da febbraio 2016, i film recensiti su questo blog vengono sottoposti al test di Bechdel per determinare se abbiano connotati di tipo sessista.

Test di Bechdel

Instagram

Something is wrong.
Instagram token error.

Contatti

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Accetti i termini della Privacy