Tag: second world war

DUNKIRK (2017)

È vero che Nolan riesce nell’ardua -e per certi versi discutibile- impresa di “svuotare” sentimentalmente ed emotivamente il contesto bellico, ma è altrettanto vero che ormai solo lui riesce a conciliare il grande cinema d’intrattenimento con un’attenzione formale unica e una precisione dei meccanismi interni degna di un orologio svizzero. E così la guerra diventa un intreccio di piani e di spazi temporali che avvince, convince e angoscia come pochi altri. RSVP: “La sottile linea rossa“, “Inception“. Voto: 8,5. Dunkirk Test di Bechdel:...

Read More

AGNUS DEI (2016)

L’aspetto più terribile delle guerre è che creano mostri anche laddove di mostri non ci si aspetterebbe neppure l’ombra, e così i liberatori diventano carnefici, le madri rinnegano i figli e la religione diventa strumento di divisione e oppressione, non di libertà e condivisione. Lo stile sobrio e austero affida i momenti più difficili alle parole e alle suggestioni piuttosto che alle immagini, e il risultato è elegante, oltre che pervaso da un latente ottimismo. RSVP: “Ida“, “Il Segreto“. Voto: 7,5. Agnus Dei Test di Bechdel:...

Read More

IL SEGRETO (2016)

Melodramma storico ad elevato tasso emozionale, che ritrae uno dei momenti più bui della storia contemporanea irlandese, unendo guerre mondiali, attriti religiosi, spirito indipendentista, terapie psichiatriche e amori impossibili. La vicenda è piacevolmente intricata, anche tra i diversi piani temporali: peccato che sulla lunga distanza pecchi un po’ di verosimiglianza, bersagliando all’eccesso la sua sfortunata protagonista. RSVP: “Philomena“, “Magdalene“. Voto: 6/7. Il segreto Test di Bechdel:...

Read More

SOPHIE AND THE RISING SUN (2016)

Un dramma storico dal gusto piacevolmente retrò, che mette tanta carne al fuoco (la guerra, il razzismo, la religione e l’ipocrisia) sempre con una certa delicatezza. Peccato che non scenda mai troppo sotto alla superficie, e così alcuni passaggi centrali risultano un po’ appannati (come la nascita della storia d’amore tra i protagonisti) e altri un po’ stilizzati (come il rancore dell’antagonista). RSVP: “The Help“, “Il colore viola“. Voto: 6/7. Sophie and the rising sun Test di Bechdel:...

Read More

IL GRANDE QUADERNO (2013)

La mostruosità intrinseca della guerra si traduce in una multitudine di mostruosità pseudo-formative: questa è la lezione che imparano loro malgrado due gemellini nella devastata (anche moralmente) Ungheria verso la fine della seconda guerra mondiale, tra pedofili, approfittatori, ladri, sadici e assassini. Uno dei film più “marci” – ma al tempo stesso realistici – del genere, impreziosito dalla fotografia livida di Berger e da una colonna sonora minimale ma suggestiva. RSVP: “Il figlio di Saul“, “Il bambino con il pigiama a righe“. Voto: 7/8. Il grande quaderno Test di Bechdel:...

Read More

LAND OF MINE – SOTTO LA SABBIA (2015)

La guerra è sempre fatta di atti mostruosi, a prescindere da schieramenti e posizioni politiche: e così, alla fine della seconda guerra mondiale, i danesi decisero di far sminare le loro spiagge ai giovani prigioneri nazisti a mani nude. Storia dura e amara, che sferra colpi davvero durissimi (anche visivamente) e tocca nel profondo, anche se il personaggio-chiave del sergente Rasmussen pecca di credibilità, mutando in modo un po’ troppo repentino. RSVP: “Frantz“, “A War“. Voto: 7/8. Land of mine – Sotto la sabbia Test di Bechdel:...

Read More

LA BATTAGLIA DI HACKSAW RIDGE (2016)

Nobile nell’intento e pregevole nel messaggio pacifista che veicola, ma il risultato è più bigotto che potente e, alla fine, è tutto ampiamente visto e rivisto, tra un addestramento in stile “Full Metal Jacket“, una battaglia à la “Salvate il soldato Ryan” e una storia d’amore – vagamente – tipo “Il paziente inglese“. La parte più interessante – ovvero l’infanzia difficile – viene invece colpevolmente trascurata: peccato, perché complessivamente il soggetto era ottimo. RSVP: “Salvate il soldato Ryan“, “Flags of our fathers“. Voto: 6,5. La battaglia di Hacksaw Ridge Test di Bechdel:...

Read More

IN GUERRA PER AMORE (2016)

In questa sua seconda opera, Pif cerca di contenere la componente didascalica a favore di un plot più accattivante e, soprattutto, più presente: il risultato è fortemente benignesco, con una Sicilia al limite del caricaturale e qualche passaggio più forzato del dovuto. Anche questa volta, però, riesce a proporre un’intelligente analisi storica, senza rinunciare alle critiche trasversali (geniale quella dei selfie). Altra proiezione d’obbligo in età scolare. RSVP: “La vita è bella“, “La mafia uccide solo d’estate“. Voto: 7,5. In guerra per amore Test di Bechdel:...

Read More

MISS PEREGRINE – LA CASA DEI RAGAZZI SPECIALI (2016)

Anche per Burton è giunto il momento di tornare alle sue origini e lo fa scegliendo una favola atipica dei nostri giorni, che mescola la seconda guerra mondiale, gli X-Men e i toni cupi e goticheggianti a lui più consoni. Indubbiamente è il suo film più riuscito dell’ultimo decennio, ma è altrettanto indubbio che ormai abbia imboccato il viale del tramonto. RSVP: “Il labirinto del fauno“, “X-Men – L’inizio“. Voto: 6,5. Miss Peregrine – La casa dei ragazzi speciali Test di Bechdel:...

Read More

ANTHROPOID (2016)

Il film di per sé è senza infamia e senza lode – è girato bene, specialmente nella prima parte, il cast funziona alla grande e, tolto l’assedio finale, risulta molto scorrevole – e l’episodio narrato, nonostante la sua grande importanza storica, è pressoché ignoto ai più. Se siete appassionati di storia contemporanea, non potete perdervelo; per tutti gli altri, invece, è tutto abbastanza già visto. RSVP: “Operazione Valchiria“, “Bastardi senza gloria“. Voto: 6/7. Anthropoid Test di Bechdel:...

Read More

Test di Bechdel

Da febbraio 2016, i film recensiti su questo blog vengono sottoposti al test di Bechdel per determinare se abbiano connotati di tipo sessista.

Test di Bechdel

Instagram

Something is wrong. Response takes too long or there is JS error. Press Ctrl+Shift+J or Cmd+Shift+J on a Mac.

Contatti

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Accetti i termini della Privacy