Gangs, bikers, vita di strada, skateboard, droghe sintetiche e hip-hop a profusione, sullo sfondo di una Cleveland degradatissima e multietnica: questa è la ricetta vincente – peraltro sostenuta da un comparto tecnico, fotografia e colonna sonora in primis, davvero da urlo – di questo “coming of age” film. Da tenere d’occhio il giovane Moisés Arias che, dopo “The Kings of Summer“, centra un’altra grande performance.

RSVP: “Divines“, “Paranoid Park“.

Voto: 7,5. The Land

Test di Bechdel: positivo.