Dopo un’opera eccessivamente psicologica, il suo remake e un’altra opera esageratamente grottesca, Richard Bates Jr. inizia a trovare un suo equilibrio, girando con maestria, dosando con maggior sapienza le due componenti e “giocando” anche con lo spettatore (prendete le scene della doccia e quella del basamento) come solo un grande del genere può osare fare. Uno dei migliori film neri dell’anno.

RSVP: “Psyco“, “Excision“.

Voto: 7,5. Trash Fire

Test di Bechdel: positivo.