Western animalista che ricalca fedelmente gli stilemi sia del western crepuscolare che del revenge movie di “rambiana” memoria: non è certo l’originalità il punto di forza di un’opera come questa, che funziona solo nel momento in cui Ti West ci mette del suo, tra i sogni notturni che fanno tanto found footage e le uccisioni splatterose con il sangue che scorre a fiumi. Ottima la scelta dei protagonisti, dotati di voci perfette per il genere.

RSVP: “I Magnifici 7“, “Bone Tomahawk“.

Voto: 6,5. In a Valley of Violence

Test di Bechdel: positivo.