Una delle commedie meno convenzionali mai realizzate, incentrata essenzialmente sulla pseudo-comicità imbarazzante del protagonista, che mette costantemente a disagio la figlia in carriera. Ma è proprio il contrasto tra questi due personaggi/mondi, incapaci di comunicare tra loro, a generare riflessioni interessantissime (dalle differenze generazionali al capitalismo, dall’arrivismo all’emancipazione femminile) e a suscitare tanta tenerezza. Spiazzante ed inconsueto.

RSVP: “Attenberg“, “Alle Anderen“.

Voto: 8. Vi presento Toni Erdmann

Test di Bechdel: positivo.