Shinkai continua a percorrere la sua personalissima strada che lo tiene ben distante dal resto della tradizione anime, curando in modo maniacale sceneggiature ad alto tasso sentimentale e basate sempre sulle difficoltà di comunicazione tra i sessi, specialmente in età adolescenziale. Nonostante lo spunto fantascientifico, riesce ad essere universale nei messaggi e coinvolgente come pochi altri, oltre ad essere tecnicamente irreprensibile.

RSVP: “La ragazza che saltava nel tempo“, “5 Centimetri al secondo“.

Voto: 8. Your Name

Test di Bechdel: positivo.